BELLUM IN TERRIS - Mandare, andare, essere in guerra (1916/2016)

Stampa                                                                                                Basic CMYK

Mercoledì 24 febbraio 2016 (Aula Magna, ore 17.30), riprende BELLUM IN TERRIS, Mandare, andare, essere in guerra, ciclo pluriennale di conferenze di Mario Isnenghi per le Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale.

Il ciclo di incontri è ideato da Ateneo Veneto, Università Ca’ Foscari di Venezia e Iveser.
La formula è la stessa già collaudata con tanto successo fra 2014 e 2015: all’inizio di ogni anno del lungo anniversario della Grande Guerra (2014/2018) il professor Isnenghi, emerito di Ca’ Foscari, autore di opere fondamentali sulla Grande Guerra, racconta al pubblico in tre incontri quanto avvenne nello stesso anno, un secolo prima.

Quest’anno tocca al 1916.  
I tre incontri programmati per tracciarne una sintesi sono:

Mercoledì 24 febbraio   Le due capitali : Udine e Roma
Mercoledì 2 marzo         Messi sulla difensiva. La Strafexpedition
Mercoledì 9 marzo        Fra tradotte e trincee:la condizione militare

L’iniziativa si avvale del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Comitato Regionale Veneto per le Celebrazioni del Centenario della Grande Guerra e rientra nel programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione – per gli anniversari di interesse nazionale.

BELLUM IN TERRIS - programma

FRA VENEZIA E VIENNA - CORSO DI STORIA VENETA 2016

Quest'anno il Corso di Storia Veneta si articola in sei lezioni tra gennaio e febbraio e tratta delle vicende politiche, economiche e culturali che hanno coinvolto Venezia e i suoi territori ‘dopo la Serenissima’. 
La storia della Repubblica di San Marco infatti è anche la storia di un rapporto contrastato con la Casa d’Austria, con gli Asburgo: per questo il Corso intende mettere a fuoco alcuni aspetti dell’impatto che ebbe il governo austriaco sulla società veneziana nell’arco di tempo che va dal 1798 al 1848.
Il dopo 1797 è per moltissimi componenti del ceto politico veneziano pieno di difficoltà; con la perdita del potere politico ed economico molte famiglie che sedevano nel Maggior Consiglio appaiono a inizio Ottocento decisamente marginali. Come porsi, da una posizione subalterna, di fronte ai nuovi poteri: cercare di integrarsi con il sistema costituzionale e amministrativo austriaco oppure chiudersi in uno sdegnato isolamento?
Quella dei nobili non è certo la sola categoria che cerca o che rifiuta un dialogo con Vienna, per questo il Corso dedicherà le sue attenzioni anche alla vivacissima e composita presenza di altre componenti sociali e alla costruzione di ‘miti’ e ‘antimiti’ della storia della Repubblica. Una particolare attenzione sarà dedicata alla questione del controllo sulla società e alla nascita di una moderna forza di polizia che scheda e controlla individui potenzialmente pericolosi per il buon governo della società.

Corso di Storia Veneta 2016 - Programma completo

Se partecipate alle nostre iniziative e desiderate fermarvi a Venezia ...

‹ credits ›